Il futuro dei miei

maredi Alessandro Ghebreigziabiher
Su una nave. In mare. Da qualche parte.
“Zio Amadou?”
“Sì…”
“Zio?”
“Sì?”
“Mi senti?”
“Sì che ti sento…”
“Ma non mi guardi…”
L’uomo si volta ed accontenta il nipote. “Stai tranquillo”, gli dice inarcando il sopracciglio sinistro, “le mie orecchie funzionano bene anche senza l’aiuto degli occhi…” E si volta a studiare le onde. Continue reading
Posted in Migranti | Tagged | Leave a comment

Il vero debito estero

GuaicaipuroLettera di un capo indio ai governi europei riuniti durante il convegno a Seattle.
di Guaicaipuro Cuautemoc (*)

tratto da il blog di Daniele Barbieri e altr@.

Così sono qua, io, Guaicaipuro Cuautemoc. Sono venuto a incontrare i partecipanti a questo incontro.
Così sono qua, io, discendente di coloro che popolarono l’America quarantamila anni fa, sono venuto a trovare coloro che la trovarono cinquecento anni fa.
Così ci troviamo tutti: sappiamo chi siamo, ed è già abbastanza.
Non abbiamo bisogno di altro.
Il fratello doganiere europeo mi chiede carta scritta con visto per scoprire coloro che mi scoprirono.
Il fratello usuraio europeo mi chiede di pagare un debito contratto da traditori che non ho mai autorizzato a vendermi. Continue reading

Posted in Latinoamericana | Tagged , | Leave a comment

Il cattolicesimo reale/5

MendicantiLa chiesa cattolica ama davvero il povero, nel senso che per sopravvivere ha bisogno che il povero continui ad esistere e a restare tale.  Nei confronti di chi, se no, il buon cristiano potrebbe esercitare la pietà?  Come potrebbe acquistare crediti per l’aldilà, se non attraverso la pelosa carità verso il pezzente ? Chi avrebbe mai bisogno di un paradiso ultraterreno, se la felicità fosse in terra ? Sull’argomento vi propongo alcuni brani scelti, tratti da “Il cattolicesimo reale” di Walter Peruzzi.  Continue reading

Posted in Religione (ma anche no) | Tagged | Leave a comment

Il cattolicesimo reale/4

Rogo1I corsivi di questo articolo sono tratti da: Walter Peruzzi, Il cattolicesimo reale, Odradek, 2008.

La puntata di oggi continua il suo breve excursus nell’omofobia cattolica, aprendosi con le parole di don Franco Barbero, ridotto nel 2003  allo stato laicale da Ratzinger  per il suo atteggiamento di apertura verso le coppie omosessuali:   “Inviterei il cardinale Ratzinger a guardarsi un po’ in profondità: il suo ossessivo bombardamento cartaceo sui temi della sessualità potrebbe derivare, almeno in parte, da qualche suo conflitto interiore non ben risolto … Al cardinale Ratzinger offro la mia totale disobbedienza, come umile testimonianza di libertà evangelica. A Dio, offro la commossa gratitudine del mio cuore, perché mi fa incontrare gay e lesbiche credenti che sanno amarsi ringraziandolo per il dono della loro omosessualità”. Continue reading

Posted in Omofobia, Religione (ma anche no) | Tagged | Leave a comment

Il cattolicesimo reale/3

RogoAlcuni giorni fa un documento della Commissione Onu per i diritti dell’infanzia ha ricordato come la posizione del Vaticano sull’omosessualità contribuisca allo stigma sociale e alla violenza contro adolescenti lesbiche, gay, bisessuali e transgender, e contro i figli cresciuti da genitori omosessuali. Per l’occasione ripercorriamo la lunga storia dell’omofobia cattolica grazie a una serie di brani scelti tratti dall’opera di Walter Peruzzi, Il cattolicesimo reale, Odradek, 2008. Dedico questa pagina a tutti/e coloro che per amore affrontarono la morte ed infiniti supplizi a causa di una manica di assassini, fanatici e frustrati.  Continue reading

Posted in Omofobia, Religione (ma anche no) | Tagged | Leave a comment

Annunciando la fine del dominio

no-tavDa sempre il potere ha un’avversione istintiva contro chi ha occhi per vedere il futuro e parole per raccontarlo.

Da sempre, per questo, detesta i poeti. Così come li odiavano i carcerieri di Nazım Hikmet, cantore di alberi, di amori e di rivolte. Come li odiava Rodolfo Graziani, viceré d’Etiopia, colui che ordinò di uccidere tutti i cantastorie di Addis Abeba, colpevoli di annunciare la fine del dominio italiano. Continue reading

Posted in Ambiente, Repressione | Tagged | Leave a comment

Il cattolicesimo reale/2

Frati-della-sabta-trinità-300x212Brani scelti da: Walter Peruzzi, Il cattolicesimo reale, Odradek, 2008.

La “religione dell’eguaglianza” e la schiavitù

Coloro che provengono da una generazione servile, sia per parte di padre che di madre, in nessun modo escano da quello stato, ma restino in perpetua servitù e nella condizione dei loro genitori, servi per natura, rimangano”  (Diploma concesso dall’imperatore Enrico VI al monastero di S. Salvatore ad Leones di Brescia nel 1194, in riferimento ai servi di proprietà del monastero). Continue reading

Posted in Religione (ma anche no), Schiavitù | Tagged | Leave a comment

Il cattolicesimo reale/1

Il cattolicesimo realeDa oggi, ogni domenica, per “santificare le feste”, mi accompagnerete nella lettura di brani tratti dai sacri testi del cattolicesimo, selezionati dalla bellissima opera di Walter Peruzzi, Il cattolicesimo reale, Odradek, 2008.  Propongo i testi sacri a voi peccatori, voi che credete nell’eguaglianza fra gli uomini, nella dignità e libertà delle donne, nella sessualità felice, voi che combattete il dominio di classe e l’omofobia. A voi, perché possiate, con maggior cognizione di causa, perseverare nel peccato più determinati che mai. Buona lettura da Alexik Continue reading

Posted in Religione (ma anche no), Schiavitù | Tagged | Leave a comment

Desideri/segnalazioni

la-fabbrica-del-panicoStefano Velenti, La fabbrica del panico, Feltrinelli, 2013. Leggi l’intervista all’autore. Leggi le prime 28 pagine del libro.

 

 

Il paese dei veleniAndreina Baccaro, Antonio Musella,  Il paese dei veleni (Biocidio, viaggio nell’Italia contaminata), Edizioni Round Robin, p. 120. Ascolta la recensione a Radio Onda d’Urto. Continue reading

Posted in General | Leave a comment

Cent’anni di veleno. Il caso Acna l’ultima guerra civile italiana

Acna cent'anni di velenoPrima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci!

“Hai mai visto Bormida? Ha l’acqua color del sangue raggrumato, perché porta via i rifiuti delle fabbriche di Cengio e sulle sue rive non cresce più un filo d’erba. Un’acqua più porca e avvelenata, che ti mette freddo nel midollo, specie a vederla di notte sotto la luna.” (Beppe Fenoglio, Un giorno di fuoco, Einaudi) Continue reading

Posted in Ambiente, Nocività industriali | Tagged | Leave a comment

Veleno

VelenoCi sono cose che le statistiche non riescono a spiegare.

Le statistiche dicono che a Taranto una coppia su quattro è sterile, e il 26% delle donne è in menopausa precoce.

Le statistiche dicono che le donne di Taranto subiscono un eccesso di  morbilità per tumore al fegato, al sistema linfatico, alla mammella, al colon e allo stomaco.

Le statistiche dicono che gli uomini di Taranto subiscono un eccesso di  morbilità per tumore alla vescica, alla testa, al collo, al fegato al sistema linfatico.

Le statistiche dicono  che a Taranto i tassi di mortalità sono molto superiori alla media regionale. Continue reading

Posted in Ambiente, Nocività industriali | Tagged | Leave a comment

Donde esta Oesterheld ?

Oesterheld_3Né croce, né segno sulla sua tomba.

Goffo rito quello della morte che è già vinta.

Il sangue del Che è già goccia nel fiume di sangue

sparso contro la fame e le catene.

Dal suo nome amore e azione.

Fa alzare le gioventù del mondo e le avvia al cammino”.

Con queste parole Héctor Germán Oesterheld, il più grande sceneggiatore di fumetti argentino, chiude l’opera dedicata al Che, magistralmente disegnata da Alberto Breccia. Continue reading

Posted in Fumetto, Latinoamericana | Tagged , , | 1 Comment

Mar del Plata

mar del plataClaudio Fava inventa personaggi, immagina dialoghi, cambia  nomi e circostanze. Ma la storia raccontata nel suo romanzo è vera. Ed è questa.

Hernán Rocca fu il primo a cadere. Era studente di medicina, militante della Gioventù Peronista Universitaria, e “medio scrum” del La Plata Rugby Club, una delle squadre più promettenti del campionato argentino. I paramilitari lo presero la notte del venerdì santo del 1975. Anche se la dittatura non era ancora ufficiale, sotto il governo fantoccio di Isabelita Peron la Triple A (Alleanza Anticomunista Argentina) agiva indisturbata. Continue reading

Posted in Latinoamericana | Tagged | Leave a comment

United business of Benetton

United BusinessPersonalmente vedo complicato che le imprese comincino a preoccuparsi se le Leggi Nazionali di un Paese permettano una vita dignitosa ai lavoratori che lo abitano”.  Carlo Landi, direttore della pubblicità del Gruppo Benetton (1999).

“Carmelita è morta l’8 marzo 1997, Giornata Internazionale della Donna, all’Andres Bonifacio Memorial Hospital di Cavite, nelle Filippine, dopo 11 giorni di agonia. Secondo le dichiarazioni rilasciate dalle sue compagne di lavoro della V.T. Fashion, “Carmelita è stata uccisa dalle 14 ore di lavoro che doveva svolgere ogni giorno e dalle 8 ore di straordinario che le venivano imposte ogni domenica.” (“Philippine News Features”, March 19, 1997). Continue reading

Posted in Asia, Latinoamericana, Multinazionali, Raccontare la fabbrica, Sud | Tagged | Leave a comment

Una stagione all’inferno

Una stagione all'infernoM. ci racconta che mentre raccoglieva i pomodori è stato investito da un trattore. Il datore di lavoro si è rifiutato di portarlo al Pronto Soccorso e gli ha intimato di non menzionare l’incidente. M. si è recato in ospedale da solo e non potendo denunciare il datore di lavoro ha dichiarato di essere stato vittima di incidente stradale. Al momento della visita di MSF, M. non stava lavorando poiché la contusione era dolorosa e la caviglia molto gonfia“. Maria, operatrice MSF.

Da luglio a novembre 2007 un’equipe itinerante di Medici Senza Frontiere ha condotto un’indagine sulle condizioni di salute, di vita e di lavoro dei migranti impiegati come lavoratori stagionali nelle regioni del Sud, dalla Capitanata alla Valle del Belice, dalla Piana del Sele a quella di Gioia Tauro, da Metaponto a Sabaudia. Continue reading

Posted in Braccianti, Caporalato, Migranti, Nocività industriali, Sud | Tagged , , | Leave a comment