Category Archives: Tortura

La pena di morte viva

Elton Kalica, La pena di morte viva. Ergastolo, 41 bis e diritto penale del nemico, Meltemi, 2019, pp. 189.

“L’ergastolo ti fa morire dentro a poco a poco.
Non siamo morti ma neppure vivi.
L’ergastolo è l’invenzione di un non-dio di una malvagità che supera l’immaginazione.
L’ergastolo è una morte bevuta a sorsi, perché non ci mettiamo d’accordo e smettiamo di bere tutti assieme?” 

Continue reading La pena di morte viva

Stefano, figlio di Giuseppe

di  Erri De Luca

“Il Potere dichiara che il giovane arrestato di nome Gesù figlio di Giuseppe è morto perché aveva le mani bucate e i piedi pure, considerato che faceva il falegname e maneggiando chiodi si procurava spesso degli incidenti sul lavoro. Perché parlava in pubblico e per vizio si dissetava con l´aceto, perché perdeva al gioco e i suoi vestiti finivano divisi tra i vincenti a fine di partita. I colpi riportati sopra il corpo non dipendono da flagellazioni, ma da caduta riportata mentre saliva il monte Golgota appesantito da attrezzatura non idonea e la ferita al petto non proviene da lancia in dotazione alla gendarmeria, ma da tentativo di suicidio, che infine il detenuto è deceduto perché ostinatamente aveva smesso di respirare malgrado l’ambiente ben ventilato.” Più morte naturale di così toccherà solo a tal Stefano Cucchi quasi coetaneo del su menzionato.”

Tratto da http://www.contropiano.org/

 

Il Consiglio d’Egitto

Passione e morte di un reo di Stato

“Hai scritto che la tortura è contro il diritto, contro la ragione, contro l’uomo, ma quello che hai scritto resterebbe l’ombra della vergogna se tu ora non resistessi …
Alla domanda ‘quid est quaestio?’ hai risposto in nome della ragione, della dignità: ora devi rispondere col tuo corpo, soffrirla nella carne, nelle ossa, nei nervi, e tacere….
I giudici che credono alla quaestione sanno che ci sono dei malefizi che la rendono inefficiente … ma non sanno che questi malefizi altro non sono che il pensiero…
Devi pensare se vuoi resistere, devi pensare …
Circa due secoli addietro diedero la corda ad Antonio Veneziano: ebbe sette tratti di corda, e tinni…
Devi tenere anche tu. Era un poeta, di complessione più delicata della tua, più gracile … e tinni ..
Per una pasquinata contro il vicerè, e tu invece sei un reo di Stato …”

Me lo sono chiesto spesso, senza sapermi dare una risposta: come hanno fatto in via Tasso, alle Caserme Rosse, a Voghera, a Trani … come ci sono riusciti/e a ‘tenere’ ?
Per amore o cocciutaggine, per ideologia o perché “il dolore era talmente grande che ho dimenticato tutto quello che volevo dirgli per farli smettere”; concentrandosi sul proprio corpo o volando altrove con la mente…
Nella ricostruzione di Sciascia, il repubblicano Francesco Paolo Di Blasi seppe resistere grazie alla cultura, alla fedeltà verso se stesso e ad un intenso amore per la vita che gli impose di concluderla con dignità.
Non sappiamo se nella realtà fossero veramente quelli i suoi pensieri, sappiamo però che nel 1795 resistette davvero fino alla morte, senza tradire i suoi compagni di congiura.

Non voglio dilungarmi molto, perché qualsiasi recensione non riesce a rendere onore a questo libro: dovrei riportarvelo tutto, parola per parola, e allora tanto vale ve lo leggiate per i fatti vostri.
E’ divertente e doloroso, profondo e vero (anche la geniale impostura dell’abate Vella è veramente accaduta). Irride alla Storia scritta dal potere, ci insegna il significato del “secolo dei lumi” descrivendoci le tenebre.

PS: Nel 1982 Sciascia intervenne sulla tortura in Italia non solo come scrittore ma anche come deputato, a fronte del dilagare di tale pratica nelle caserme, questure, carceri speciali e non.
Per info: Comitato contro l’uso della tortura, La tortura in Italia, 1982.

Il libro: Leonardo Sciascia, Il Consiglio d’Egitto, gli Adelphi, 2009.

Filmografia: Emidio Greco, Il Consiglio d’Egitto,  2002, 137′.  PS Ho sempre immaginato questa storia interpretata da un Di Blasi/Volontè e da un abate Vella/Salvo Randone, gli unici degni di ruoli così complessi. Per questo, dopo il film di Greco,  era inevitabile la delusione .